Dropshipping nel 2021: Ne vale ancora la pena?

In questo articolo, cerchiamo di capire se il dropshipping sia ancora praticabile nel clima attuale del 2021. Diamo anche uno sguardo approfondito a numerosi fattori da considerare prima di iniziare, come la redditività e la concorrenza, per citarne solo un paio. 

Qui a Utilesulweb, ci piace presentarti i fatti, le informazioni, i pro e i contro che ti consentono di decidere se il dropshipping è giusto per te.

Cos’è il Dropshipping?

Se ti sei imbattuto in questo articolo ma non sei ancora sicuro di cosa sia effettivamente il dropshipping, ti darò un breve riassunto di quale sia il modello di business.

Il dropshipping consiste essenzialmente nella spedizione di prodotti ai tuoi clienti direttamente dai tuoi fornitori. Ciò significa essenzialmente che non avrai mai la necessità di conservare prodotti presso un tuo magazzino o attività fisica.

business model dropshipping

Ci sono molti diversi pro e contro del modello dropshipping e devono essere considerati prima di decidere di andare avanti. Inoltre, approfondirò ulteriormente la maggior parte di questi punti più avanti in questo articolo.

Vantaggi del Dropshipping

  • Investimento iniziale basso, poco capitale richiesto
  • Spese generali mensili basse
  • Nessuno problema di scorte che potrebbero non essere vendute
  • Molte risorse per imparare sull’argomento prima di iniziare
  • Grandi piattaforme che aiutano l’automazione con questo modello di business

Svantaggi del Dropshipping

  • Di solito tempi di spedizione sono lenti
  • Cattiva reputazione a causa di un servizio clienti scadente
  • Concorrenza altissima, soprattutto a causa del Covid-19
  • Nessun controllo sulla qualità del prodotto

Come puoi vedere, ci sono buoni punti sia a favore che contro il dropshipping. Alla fine, la decisione dipende dal fatto che sia adatto a te e a cosa vuoi ottenere.

Barriere all’ingresso

Il più grande vantaggio di gran lunga è la facilità con cui poter iniziare, potresti essenzialmente iniziare con poche centinaia di euro ed avere comunque un ottimo successo.

Se vuoi avviare un negozio molto semplice, ti serve davvero poco. Dovrai acquistare un dominio, un hosting, alcuni prodotti campione e avere abbastanza soldi per la pubblicità messi da parte per i primi due mesi.

Un problema che molti stanno affrontando oggi è la concorrenza, tanto più a causa di Covid-19 poiché più persone sono disoccupate e lavorano da casa. La tua potenziale concorrenza sta sfruttando proprio come faresti tu, la facilità per entrare nel mercato durante questo strano periodo. Il numero di dropshipper è ai massimi storici.

statistica dropshipping
Fatturato di vendita (2004-2018)

Come puoi vedere dall’immagine sopra, gli utenti su Shopify, che è una delle principali piattaforme utilizzate per i dropshipper, quest’anno ha superato il limite, quindi questo è un fatto molto importante da non trascurare.

Se hai un’idea per un’attività di dropshipping, allora è una buona pratica passarla prima su Google e sui social media per vedere cosa viene fuori. Puoi anche ricercare la tua tendenza con Google Trends e vedere se hai un posto nel mercato.

google trends
Un esempio della piattaforma Google Trends

Ci sono molte fonti di informazioni sul dropshipping, ma sfortunatamente c’è anche una grande quantità di disinformazione i. Il mercato, negli ultimi anni, è diventato un pozzo nero di corsi di vendita di guru che promettono ritorni a sei cifre ancor prima di iniziare.

Questi corsi in genere offrono pochissimo valore in quanto le informazioni corrette di solito possono essere trovate con un po’ di ricerca su Google.

Qui a Utilesulweb, miriamo a far luce su queste eventuali truffe e darti una prospettiva realistica su tutti gli argomenti nel campo del dropshipping senza che tu debba pagare un centesimo.

Di che tipo di capitale iniziale hai bisogno per iniziare a fare dropshipping nel 2021?

Non voglio darvi una cifra reale perché qui entrano in gioco tanti fattori. Ad esempio, il tuo prodotto, la tua nicchia, le tue attuali capacità e anche un po’ di fortuna.

Quello che farò sarà una ripartizione di ciò di cui avrai bisogno per iniziare e approssimativamente quanto costeranno.

Dominio

Prima di tutto, avrai bisogno di un dominio. Questo può generalmente costare circa 10-15 € all’anno e il suo costo può crescere in base alla rarità del dominio. Si consiglia di guardarsi intorno poiché lo stesso dominio può costare importi molto diversi a seconda di dove lo si acquista.

Google Domains è generalmente la piattaforma più economica da cui acquistare, quindi vale sempre la pena dare un’occhiata alla disponibilità.

google domains

Un ultimo consiglio per l’acquisto del tuo dominio, non dimenticare di dare un’occhiata in giro per i codici sconto. Sicuramente ti farà risparmiare un po’ di soldi.

Piattaforma

Shopify è gratuito per le prime due settimane per consentirti di provare a lanciare il tuo negozio senza anticipare nulla.

shopify

Iscriviti solo dopo aver effettuato tutte le tue ricerche per sfruttare al massimo questo periodo gratuito perché dopo, ti costerà $ 29 al mese sul piano di base. 

Puoi controllare questo elenco di controllo di Shopify qui per assicurarti di aver impostato tutto correttamente prima di avviare il tuo negozio dropshipping.

Un’altra opzione da considerare è WooCommerce , che a differenza di Shopify, ti offre molta più flessibilità con l’aspetto dei tuoi negozi, le app utilizzate e i costi mensili. Tuttavia, per personalizzare uno store WooCommerce è richiesta più esperienza rispetto alla facilità d’uso di Shopify.

Shopify offre una piattaforma “pronta all’uso” ed è incredibilmente semplice per le persone senza esperienza tecnica.

Bannar Pubblicitari

La pubblicità sarà di gran lunga il tuo più grande pensiero nel settore del dropshipping e molto probabilmente creerà o distruggerà la tua attività.

Per cominciare, indipendentemente dalla piattaforma con cui decidi di fare pubblicità, puoi investire fino a 10 $ al giorno nella pubblicità solo per testare il pubblico e l’interesse generale per il tuo negozio. La maggior parte delle piattaforme pubblicitarie hanno bisogno di 3-5 giorni per ottimizzare completamente la tua pubblicità.

google ads
L’interfaccia di Google Ads

Prodotti di esempio

Questa è una parte molto trascurata dell’avvio di un’attività di dropshipping. Poiché non avrai in mano il prodotto, è assolutamente fondamentale conoscere la qualità del prodotto che stai spedendo e quanto tempo ci vuole per arrivare a te. Ricorda che il Dropshipping alla cieca senza prima vedere fisicamente il tuo prodotto è una ricetta per il disastro.

Per i negozi di prodotti singoli, non hai praticamente scuse per non acquistare prima un prodotto, tuttavia, se la tua decisione è quella di avviare un negozio generico, dovresti almeno cercare di acquistare alcuni dei tuoi prodotti che prevedi saranno i più venduti.

Poiché questo sarà il tuo unico mezzo di controllo della qualità, è importante che tu lo faccia bene. Se hai intenzione di avere un’attività a lungo termine e sostenibile, devi assicurarti che i tuoi prodotti siano entrambi di buona qualità e arrivino entro un lasso di tempo ragionevole.

Puoi anche utilizzare questi acquisti iniziali per costruire il dialogo necessario con i tuoi fornitori e conoscerli un po’ meglio..

metodi di spedizione

Un’altra cosa che potrai sfruttare nell’ordinare i campioni dei prodotti che venderai è che puoi creare immagini e video unici.. In questo modo, le immagini dei tuoi prodotti avranno un aspetto più unico e ti faranno distinguere dagli altri.

Infine, vale la pena ricordare che AliExpress non è l’unico posto da cui fare dropshipping, infatti esistono anche diverse aziende sul territorio italiano che praticano questo tipo di vendita.

Pacchetto logo e social media

Il branding è un elemento molto importante della tua attività che influisce davvero sul modo in cui i tuoi clienti percepiranno inizialmente la tua attività, potrebbe potenzialmente determinare se quella visita si traduce in una conversione o meno. Nel dropshipping, non vendi solo il prodotto, ma anche il concetto.

Non solo avrai bisogno di un logo per entrare nel tuo negozio , ma se hai intenzione di avere quella prova sociale, avrai bisogno dei social media e di un tuo marchio personale. Alcune delle opzioni valide:

Il primo metodo consiste nel realizzarli utilizzando applicazioni online che possono generare loghi in modo del tutto automatico. Sono generalmente molto semplici e mancano di qualsiasi personalizzazione. Sono anche molto limitati nei formati in cui ti viene dato il logo, quindi le abilità di base di Photoshop sarebbero d’aiuto per poter fare piccole correzioni.

Shopify ha il suo generatore di logo chiamato Hatchful , che generalmente svolge il lavoro gratuitamente e un bel portafoglio di formati.

Se invece stai cercando una finitura più professionale per la tua attività, puoi esternalizzarla su una piattaforma come Fiverr o Upwork . Il prezzo medio per un logo di solito è sui 10-20 €, ricorda che otterrai esattamente quello per cui sei disposto a pagare.

È anche importante prendere in considerazione le recensioni di un freelancer e consulare il loro portfolio. Troverai una serie di pacchetti da acquistare, quindi vedi quale ti si addice meglio.

App

Per cominciare, hai bisogno di alcune app che ti aiuterannoi ad andare avanti e rendere la tua vita un po’ più semplice. Il monitoraggio degli ordini e le app di mailing list sono fondamentali. La buona notizia è che la maggior parte di queste app ha un periodo di prova gratuito o l’accesso a funzionalità limitate all’interno della propria app gratuitamente. 

Poiché i tuoi clienti probabilmente ti invieranno messaggi chiedendo dove si trova il loro ordine abbastanza frequentemente, avere un’app di tracciamento degli ordini è importante, soprattutto quando si effettua il dropshipping perché i tempi di attesa a volte possono superare un mese.

Queste app, in molti casi, sono gratuite per un massimo di 100 ordini al mese, tuttavia sono molto basilari in termini di funzionalità e personalizzazione della pagina di monitoraggio. La scelta non manca, quindi guardati intorno e usa le prove gratuite per vedere quale soluzione ti si addice di più.

La versione a pagamento di queste app generalmente costa tra 10-20 € al mese.

Ci sono anche altri da considerare, come la compressione delle immagini, i commutatori di valuta/lingua e le app di ottimizzazione SEO. Le app di compressione delle immagini ridurranno le dimensioni delle immagini e, a loro volta, ridurranno i tempi di caricamento della pagina , il che aiuta a migliorare i tassi di conversione, generalmente gratuiti per le prime centinaia di immagini.

Se ti rivolgi a un pubblico internazionale, assicurati che i tuoi clienti possano vedere i prezzi nella loro valuta e leggere le pagine nelle loro lingue. Alcune app utilizzano i geolocalizzatori per il passaggio automatico, che è una funzionalità aggiuntiva molto interessante.

Le app di conversione valuta generalmente fanno il loro lavoro gratuitamente, ma le funzionalità aggiuntive come il geolocalizzatore vengono pagate di solito sulle 15 € al mese.

conversione valuta

Le app di ottimizzazione SEO eseguiranno le attività come l’aggiunta di tag alt alle immagini e l’aggiunta di parole chiave alle tue pagine. Non vedrai molti benefici nel traffico organico per i primi mesi, ma è buona norma iniziare con l’ ottimizzazione SEO sin dall’inizio .

Ancora una volta, questo può essere gratuito in misura limitata, ma può costare di più se ti rivolgi ad un consulente esperto.

Temi del negozio

Mentre Shopify e WooCommerce offrono entrambi temi gratuiti, i temi premium fanno risaltare il tuo negozio dagli altri e hanno anche alcune fantastiche funzionalità integrate che quelli gratuiti non forniscono.

Il prezzo dei temi premium può variare da 50-500 €, una scelta preferita per i negozi Shopify è la gamma Out of the Sandbox . I loro prezzi sono generalmente di 180 o 350 € e offrono un aspetto molto raffinato al tuo negozio con funzionalità integrate come negozio rapido e convertitore di valuta, solo per citarne alcuni. 

temi premium
Tema Turbo per Shopify – Fuori dalla sandbox

Se hai il budget per acquistare un tema premium, te ne consiglio vivamente uno; tuttavia, se sei appena agli inizi e con un budget ridotto, i temi standard funzionano bene.

Se ti stai chiedendo quali temi sono disponibili, dai un’occhiata all’articolo qui sotto:

La parte legale

Ciò che è importante considerare è registrare la tua attività di dropshipping come un’attività reale. In definitiva, per aprire un negozio in dropshipping è necessario dichiarare questa attività all’agenzia delle entrate aprendo la partita iva.

Tempi di spedizione

Attualmente, questo è un argomento scottante, con la logistica mondiale colpita dal Covid-19.

Epacket era l’opzione più sicura per la consegna, impiegando in media 10-15 giorni negli Stati Uniti. Sebbene questa opzione sia ancora disponibile come metodo di consegna, non è più praticabile con alcun mezzo e, nella maggior parte dei casi, non parte nemmeno dal paese di origine mesi dopo. 

È fondamentale avere queste conversazioni con il tuo fornitore prima di utilizzarle e chiedere più di “quanto tempo impiega la consegna in questo paese?” in quanto a volte non sono molto veritieri sui tempi di consegna.

Chiedi quale corriere raccomanderebbero e non essere timido nel chiedere i numeri di tracciamento precedenti per dimostrare i tempi di consegna menzionati; questa non è una richiesta irragionevole.

Se non sei sicuro di come stanno andando i tempi di consegna nei paesi di destinazione, Google Data Studio è un ottimo strumento per aiutarti. Ti mostrerà le tendenze nelle consegne e sarà in grado di determinare se i tempi di consegna sono generalmente in aumento o in diminuzione. 

Tieni presente che Google Data Studio è uno strumento estremamente potente che può aiutare a identificare le tendenze in quasi tutti i ceti sociali e non viene utilizzato solo per questo particolare compito.

Con AliExpress, il loro metodo di spedizione standard ha dimostrato di essere molto più affidabile di ePacket in questo periodo, offrendo spedizioni veloci e affidabili in tutto il mondo e tracciabili ovunque..

Redditività

È qui che molti nuovi imprenditori faranno fatica poiché è del tutto normale conoscere il costo del prodotto e il prezzo di vendita , tuttavia è facile ignorare i costi aggiuntivi.

Questi piccoli costi, come le commissioni di transazione e le tasse , generalmente non vengono presi in considerazione, tuttavia si sommano e possono determinare se l’attività è redditizia o meno.

Credimi quando ti dico che prestare attenzione alle piccole cose farà una grande differenza, quindi esamineremo alcuni fattori importanti da tenere in considerazione se la tua attività di dropshipping può essere redditizia nel 2021.

Commissioni di transazione

Se non utilizzi Shopify Payments come metodo di pagamento, disponibile solo in determinati paesi, sarai soggetto non solo a un addebito per l’abbonamento ma anche al costo di transazione.

prezzi shopify

Come con Shopify, questa commissione può essere ridotta sui loro piani più premium, tuttavia dovrai ottenere molte vendite per beneficiare di questo costo aggiuntivo.

Le tasse

Come accennato in precedenza, questo è qualcosa da considerare poiché, ad esempio, all’interno dell’UE, questo è al minimo del 15%, quindi una cifra abbastanza alta per essere ignorata.  Oppure occhio all’imposta sulle vendite, se decidi di vendere negli Stati Uniti.

Sebbene questo sia qualcosa che molte nuove aziende di dropshipping inizialmente ignorano, è sicuramente qualcosa da considerare per quando sei pronto a portarlo al livello successivo. 

Costi del prodotto

Soprattutto sui prodotti con costi più bassi (30-75 €), ci si aspetta che tu abbia una presa salda poiché questi prezzi cambieranno frequentemente e potrebbero influire sulla tua redditività.

Fortunatamente, la maggior parte delle applicazioni come Oberlo e DSers ti aggiorneranno di queste modifiche, anche queste si integreranno completamente alla tua piattaforma Shopify/Woocommerce.

Ciò che è importante considerare sono i costi di spedizione.

Alcuni fornitori imposteranno persino le loro spese di spedizione su un valore simile o addirittura superiore al costo effettivo del prodotto e gli aumenti dei costi di spedizione non vengono rilevati in queste applicazioni. Tutti i fornitori che adottano questa tattica dovrebbero essere percepiti come inaffidabili, quindi fai attenzione.

Se stai spostando una grande quantità di prodotti, cerca fornitori con un volume di affari maggiore, ad esempio Alibaba .

Questi fornitori a volte richiedono un MOQ (quantità minima dell’ordine), tuttavia questo può essere discusso e alcuni offrono persino la capacità di dropshipping se pensano che porterai loro abbastanza affari da giustificare il lavoro extra.

alibaba

Rimborsi

A causa di tempi di spedizione lente, prodotti di scarsa qualità o anche un semplice caso in cui l’acquirente non è soddisfatto del prodotto, i rimborsi sono una parte inevitabile del business. 

Il motivo per cui lo sto menzionando qui è perché i rimborsi ti costeranno denaro. Qui perdi non solo il costo del prodotto e le spese di spedizione ma anche il costo della pubblicità che ti è costato portare inizialmente il cliente nel tuo negozio. 

rimborsi shopify
Rimborsi sulla piattaforma Shopify

È importante notare qui che, se stai effettuando un dropshipping dalla Cina , il fornitore non accetterà la restituzione del prodotto in quanto non è finanziariamente redditizio farlo.

Generalmente ti rimborseranno il costo del prodotto meno la spedizione dopo che è stata fornita loro la prova del problema.

Molti venditori hanno scelto di includere un ulteriore 10% nei loro prezzi per tenere conto di questa perdita, poiché i rimborsi avvengono troppo frequentemente per ignorare o assorbire la perdita da soli.

Quindi, vale ancora la pena fare dropshipping nel 2021?

Si assolutamente. Tuttavia, i giorni in cui si sceglieva un singolo prodotto su AliExpress, si pubblicavano annunci su Facebook e si facevano cifre folli di cui ti parlano su YouTube sono praticamente finiti. È stato un anno molto strano per tanti motivi, che ha portato avanti tanti problemi ma anche tante opportunità.

Il 2020 ha visto una crescita degli e-commerce in media del 15%, il Covid ha svolto un ruolo enorme in questo aumento poiché molte aziende fisiche si sono adattate a quella che potrebbe potenzialmente diventare la nuova era.

Il rovescio della medaglia, il Covid-19 ha gravemente ostacolato la logistica e, anche se si stanno riaprendo più frontiere, il commercio non è ancora tornato a funzionare in una fase di “normalità”.

dati statistica per ecommerce
Dati di vendita di Statista per l’e-commerce (2014-2023)

Il dropshipping è bello sia per la sua semplicità di avvio che per la sua difficoltà nel fare funzionare tutto in modo efficiente, questo è ciò che distingue gli imprenditori dalle persone destinate a svolgere il proprio lavoro 9-17.

Per fare dropshipping nel 2021, devi fare la tua ricerca, utilizzare tutti gli strumenti disponibili per favorire l’efficienza e l’automazione, e gestire in modo intelligente ogni singolo centesimo.

Non è più possibilmente pensare di comprare a ribasso e vendere ad un prezzo maggiore, poiché in gioco ci sono molti altri fattori che alla fine influiscono sulla tua redditività.

Sei pronto per iniziare il dropshipping nel 2021?

Il 2021 è davvero un anno difficile per entrare nel dropshipping e sta diventando progressivamente più difficile entrare in molti mercati a meno che il tuo negozio non sia un’ultra-nicchia .

Se dovessi attingere a un settore tranquillo del mercato, di solito non passa molto tempo prima che gli altri sappiano cosa stai facendo e provino a prendere una fetta della tua torta.

Spero che il mio bombardamento di informazioni e avvertimenti non ti abbia spaventato e ti abbia invece acceso una campanella per iniziare in modo intelligente. Se fai le tue ricerche e prendi in considerazione tutto ciò che è menzionato in questo articolo, non c’è motivo per cui tu non possa avviare il tuo e-commerce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.